Ast, dopo le manganellate arrivano le menzogne

Se mai ce ne fosse ancora bisogno, il video di ieri trasmesso dalla trasmissione di Rai3 “Gazebo” conferma quanto da noi sostenuto con la richiesta di sfiducia per il ministro Alfano. Quanto avvenuto la scorsa settimana agli operai e sindacalisti delle Acciaierie di Terni è stata una vera e propria carica della Polizia e l’ultimo video immortala il momento in cui viene dato l’ordine.
Ora il ministro Alfano, che già nell’informativa urgente non aveva spiegato i motivi di tale comportamento da parte delle forze dell’ordine e soprattutto non ci aveva spiegato quale catena di comando aveva portato all’ordine di carica, prenda atto delle sue negligenze e si dimetta. Lo faccia prima che la mozione presentata da Sel e dal M5S venga calendarizzata in Aula a Montecitorio. È necessario conoscere la verità. Non vorremmo che finisse come purtroppo è andata a finire per la verità su Stefano Cucchi: non è stato nessuno, tutti salvi.

Giorgio Airaudo