Legge elettorale, Migliore (Sel): pronti a chiudere entro gennaio su Mattarellum

«Sono interessato a discutere a partire dalla legge Mattarella che già conosciamo e che con alcuni correttivi, può garantire a un elettore con una sola croce sulla scheda di scegliere il suo candidato del territorio e la sua coalizione». Gennaro Migliore, capogruppo di Sel a Montecitorio è pronto a discutere con Renzi e a chiudere “entro gennaio in parlamento”. Lo conferma nell’intervista a Intelligonews, quotidiano on line diretto da Fabio Torriero.
«Per primo ho presentato la proposta del Mattarellum con alcuni correttivi – ad esempio l’eliminazione dello scorporo – il 15 marzo scorso. E’ la legge più funzionale al nostro sistema. Ovviamente c’è bisogno di iniziare celermente la riforma del bicameralismo e del Titolo V della Costituzione», sottolinea l’esponente di Sel. E sullo stop di Alfano a trattative fuori dalla maggioranza, Migliore è netto: «Fino ad oggi il balletto di chi dice ‘prima in maggioranza’, ha portato solo ad allungare i tempi». Quanto alla proposta lanciata su Intelligonews dall’ex senatore Stefano Pedica di un Nuovo Centrosinistra e rivolta a Sel, Ferrero e Di Pietro, il capogruppo di Sel è perplesso: «Se il modello è quello del Nuovo Centrodestra di Alfano dico che siamo proprio messi male perchè quell’operazione è tutta di Palazzo, completamente priva di qualsiasi prospettiva. Penso che il nuovo centrosinistra non debba essere un partito ma una grande coalizione, un grande campo del quale intendo far parte e che vede come principale protagonista il Pd. Siccome oggi l’idea di un nuovo centrosinistra è impedita dal governo di larghe intese, mi sembra che la prima preoccupazione sia fare una nuova politica più che una nuova sigla».

L’intervista su Intelligonews