Decreto Imu/esodati, Sel: dal governo solo promesse, pagata cambiale al Pdl

«Oggi l’Aula della Camera si appresta a votare un decreto che da una parte cancella l’IMU per tutti i possessori di prime case, indipendentemente dalle condizioni di reddito e di patrimonio, e dall’altra mette pochi spiccioli per risolvere il problema di lavoratori esodati e per il rinnovo della cassa integrazione in deroga, che invece, purtroppo, interessano decine di migliaia di persone». Lo afferma l’on. Titti Di Salvo, vicepresidente del gruppo di Sinistra Ecologia Libertà.

«È una situazione che ha del paradossale. Non è possibile che nello stesso provvedimento ci siano piccoli passi per gli esodati e falcate per i proprietari delle prime case. E’ un errore, un’ingiustizia. Il governo in questo modo paga la cambiale elettorale del PDL sulle spalle dei lavoratori. Letta, conclude l’on. Di Salvo, preferisce sottostare al ricatto del partito di Alfano piuttosto che onorare la promessa di risolvere strutturalmente la vicenda degli esodati fatta al momento del suo insediamento alle Camere».